home | RSS | a 2.0 inspiration by Umberto Di Lorenzo
sabato 20 ottobre 2007

Montare per errore

- permalink -
Io non so come si faccia a montare per errore delle testate nucleari su un aereo. E' un po' come dire "cara pensavo fossi tu" montando la sua migliore amica.

9 scleri di ignari passanti:

elena ha detto...
20 ottobre 2007 16:01

mio dio,dove stiamo arrivando

davide ha detto...
20 ottobre 2007 22:30

RIPORTO QUI SOTTO UN ARTICOLO TRATTO DAL BLOG DI BEPPE GRILLO. PARLA DI UN DISEGNO DI LEGGE DI INIZIATIVA GOVERNATIVA CHE SE VENISSE APPROVATO COMPORTEREBBE LA CHIUSURA DEL 99% DEI BLOG ESISTENTI.

“La legge Levi-Prodi e la fine della Rete

Ricardo Franco Levi, braccio destro di Prodi, sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, ha scritto un testo per tappare la bocca a Internet. Il disegno di legge è stato approvato in Consiglio dei ministri il 12 ottobre. Nessun ministro si è dissociato. Sul bavaglio all’informazione sotto sotto questi sono tutti d’accordo.
La legge Levi-Prodi prevede che chiunque abbia un blog o un sito debba registrarlo al ROC, un registro dell’Autorità delle Comunicazioni, produrre dei certificati, pagare un bollo, anche se fa informazione senza fini di lucro.
I blog nascono ogni secondo, chiunque può aprirne uno senza problemi e scrivere i suoi pensieri, pubblicare foto e video.
L’iter proposto da Levi limita, di fatto, l’accesso alla Rete.
Quale ragazzo si sottoporrebbe a questo iter per creare un blog?
La legge Levi-Prodi obbliga chiunque abbia un sito o un blog a dotarsi di una società editrice e ad avere un giornalista iscritto all’albo come direttore responsabile.
Il 99% chiuderebbe.
Il fortunato 1% della Rete rimasto in vita, per la legge Levi-Prodi, risponderebbe in caso di reato di omesso controllo su contenuti diffamatori ai sensi degli articoli 57 e 57 bis del codice penale. In pratica galera quasi sicura.
Il disegno di legge Levi-Prodi deve essere approvato dal Parlamento. Levi interrogato su che fine farà il blog di Beppe Grillo risponde da perfetto paraculo prodiano: “Non spetta al governo stabilirlo. Sarà l’Autorità per le Comunicazioni a indicare, con un suo regolamento, quali soggetti e quali imprese siano tenute alla registrazione. E il regolamento arriverà solo dopo che la legge sarà discussa e approvata dalle Camere”.
Prodi e Levi si riparano dietro a Parlamento e Autorità per le Comunicazioni, ma sono loro, e i ministri presenti al Consiglio dei ministri, i responsabili.
Se passa la legge sarà la fine della Rete in Italia.
Il mio blog non chiuderà, se sarò costretto mi trasferirò armi, bagagli e server in uno Stato democratico.
Ps: Chi volesse esprimere la sua opinione a Ricardo Franco Levi può inviargli una mail a : levi_r@camera.it”

NON LASCIAMO CHE IL GOVERNO CI METTA IL BAVAGLIO: PROTESTIAMO TUTTI ASSIEME.

Tanti saluti Davide

grace ha detto...
21 ottobre 2007 19:41

testate nucleari ed errori.irresponsabilità politica e civile.
chiudere i blog?e certo..mica in Italia ci sono cose più serie di cui preoccuparsi?

italianovero ha detto...
22 ottobre 2007 00:49

Ciao grace,
ti rispondo io.
No che non c'è niente di più importante di cui occuparsi. O meglio, ci sarebbe pure, ma ora questa è una cosa che si deve mettere in chiaro, di cui ci si deve occupare eccome. Noi italiani dobbiamo, perché qua si tratta di noi e della nostra libertà. Altro che se dobbiamo!

Anonimo ha detto...
22 ottobre 2007 14:52

...chissà se la fanno cadere a casa loro...purtroppo per loro l'olocausto atomico. non sarà come mad max...così malinconico e visionario...
and
www.wrong-.splinder.com

grace ha detto...
23 ottobre 2007 11:36

caro italianovero,
sacrosanta è la libertà d'espresssione e sacrosanta la levata di scudi in suo favore.la mia,infatti,era una critica nei confronti della classe dirigente politica che poco si spende per risolvere problemi seri e invece quando c'è da pensare all'ennesima legge liberticida,come in questo caso,ce la mette tutta.ma proprio tutta.

italianovero ha detto...
25 ottobre 2007 09:08

La classe dirigente secondo me ha fatto un clamoroso autogol dimostrandosi così antidemocratica, è un passo avanti in più verso l'antipolitica. Questa legge è quasi un bene...

kontrasto ha detto...
25 ottobre 2007 12:36

Mi fa piacere della discussione nata.
Io ancora non ne parlo perché è una cosa da fare con calma e in questi giorni il tempo è poco.. Sabato c'è sdsm lab..
Mi riservo di farlo appena possibile

elena ha detto...
27 ottobre 2007 13:43

sì,ma quando???sono curiosa di sapere la tua opinione...

Posta un commento