home | RSS | a 2.0 inspiration by Umberto Di Lorenzo
martedì 8 aprile 2008

Nulla fermerà la vergogna

- permalink -
Sono triste perché un simbolo così importante è stato attaccato. Riconosciamo il diritto delle persone a protestare e a esprimere le proprie opinioni, ma questo non dovrebbe accadere in modo violento.
(Jacques Rogge, presidente del CIO, riferendosi alla fiaccola olimpica dopo le cerimonie di Londra e Parigi)

Ora non per stare a cercare il pelo nell'uovo, ma io credo che anche i Tibetani meritino di esprimere le loro opinioni. E che non vadano zittiti a suon di manganellate, arresti e torture. Credo che tanta violenza porti inevitabilmente altra violenza.

Se poi vogliamo dire che il Tibet è il Tibet e le Olimpiadi sono le Olimpiadi e le due cose dovrebbero andare parallelamente, allora ok, diciamo anche che la Cina è davvero il paese democratico che vuole sembrare (al cui scopo le Olimpiadi sono adattissime) e che il Panchen Lama e la sua famiglia sono davvero sotto la "tutela protettiva" del governo cinese. E lasciamo anche che sia proprio il governo cinese a scegliere i monaci tibetani e ad eleggere il Dalai Lama. Tanto..

6 scleri di ignari passanti:

Anonimo ha detto...
9 aprile 2008 11:25

...e l'ipocrisia dell'occidente che si accoda alla guerra in afghanistan-irak, e sta zitto sulla cina...rifiutando persino il boicottaggio...
and
www.wrong-.splinder.com

italianovero ha detto...
9 aprile 2008 12:46

le due cose magari non devono andare parallelamente, ma le olimpiadi sono sempre un evento sportivo e dovrebbero rimanere tali.
semmai sarebbe da discutere la scelta della cina come paese ospitante.

martina ha detto...
11 aprile 2008 17:26

Non capisco come al giorno d'oggi si spacchi in quattro il capello sulle menate più insignificanti e si taccia su queste questioni.

Se non fosse che le olimpiadi sono una faccenda di atleti, che con guerre e persecuzioni non c'entrano niente, a quelle di Pechino sarei contraria tout court.

Mi limito ad approvare gli estintori sotto i cappotti e le azioni di protesta, ma so che serve a poco.

italianovero ha detto...
12 aprile 2008 14:11

Ma non rispondi più ai commenti? Che fine hanno fatto quelle belle discussioni in cui si finiva ad insulti su questo blog?

kontrasto ha detto...
13 aprile 2008 11:40

@italianovero: hai ragione, scusa, scusami, scusatemi. Ma siete già così bravi da voi.. ;)

Tu hai ragione, la scelta della Cina è stata abominevole. Ma quella ormai è fatta, sul resto si può parlare, discutere, lottare.

italianovero ha detto...
13 aprile 2008 16:20

io invece penso che abbia ragione martina: serve a poco.

Posta un commento