home | RSS | a 2.0 inspiration by Umberto Di Lorenzo
mercoledì 22 ottobre 2008

Parlami ancora

- permalink -


Sono stato un tantino assente, lo so. Tocca pure scusarsi, che vi avevo abituato troppo bene. Non rispondo più alle mail, non rispondo più ai commenti, non posto più: bella merda. Però vi ho lasciato la pubblicazione programmata delle tre puntate di un racconto scritto un anno e mezzo fa, che finora avevano letto soltanto due persone (e non la diretta interessata, alle solite), su di una storia che per me è stata molto importante, quindi apprezzate almeno lo sforzo.

Provo a rimettermi in carreggiata e dico una cosa: sono stato al giorno più importante (dicono) della vita di una persona con la quale da piccolo ho diviso i giocattoli e la cameretta, che ho preso a pugni e a cui ho fatto scheggiare un dente, con cui ho parlato per nottate intere scambiandoci talvolta anche gli insulti più pesanti.
E' stato bello, è una di quelle cose che riscattano tutto quanto possa andare male in un anno. Ero quasi più emozionato di lei. Ho accompagnato sotto braccio una delle donne della mia vita (con buona pace delle mie ex, non parlo di voi) lungo la navata di un'abbazia (io!), ho indossato un vestito nel quale mi sentivo a disagio quasi quanto Hussain Bolt ad una convention della Lega Nord, ma con cui facevo la mia porca figura (tzè).

Ho pensato che un giorno, forse, toccherà anche a me, non qui, non ora, non così, ma non si può mai dire. Spero che colei che mi sarà accanto abbia la stessa felicità, la stessa luce negli occhi, che la notte precedente non faccia dormire suo fratello per l'agitazione per poi scaricarla non in un pianto, ma in un sorriso che si ricordi negli anni a venire.

Auguri.

3 scleri di ignari passanti:

Tattaval3 ha detto...
22 ottobre 2008 12:39

Posso mettermi in fila?

italianovero ha detto...
22 ottobre 2008 19:45

un'altra? ho perso il conto!

stefi ha detto...
22 ottobre 2008 20:07

lacrimuccia... :)

Posta un commento