home | RSS | a 2.0 inspiration by Umberto Di Lorenzo
venerdì 5 settembre 2008

Riappropriarsi degli spazi

- permalink -
Io ricordo distintamente che tempo fa, dico anni, ne avevo già parlato. Con me anche un amico, il cui blog purtroppo non è più attivo.
Il Rasterbator è un software semplicissimo da utilizzare, che in soldoni funziona così: acquisisce un'immagine qualsiasi, la rasterizza (ne crea, cioè, una versione vettoriale, qui una descrizione tecnica del tutto) e genera un file pdf dell'immagine rasterizzata nella dimensione voluta (più grande è l'immagine, più pagine ha il pdf), che può essere anche enorme, facilmente stampabile in tipografia o anche in copisteria se non a casa.

Detto questo, la figata sta nella romantica idea di potersi riappropriare degli spazi in maniera semplice e rapida, di dedicare una fetta delle nostre città a noi stessi. Senza dover necessariamente essere writers -veri o sedicenti- e tantomeno vandali. Basta la fantasia e qualche foglio di carta. Un mio amico lo ha già fatto, tra l'altro portando avanti una causa di grande attualità e riscuotendo consensi un po' ovunque. Molti hanno fatto anche di meglio, sul sito del software c'è un'ampia gallery.

Riappropriamoci dei nostri spazi!










8 scleri di ignari passanti:

laurainrain_bows ha detto...
5 settembre 2008 17:58

magnifica idea.
ci sono troppi posti da dover cambiare...tipo la caserma (abbandonata e cn tanto di filo spinato) che si vede dalla finestra della mia camera.

Oscar ha detto...
6 settembre 2008 08:58

è proprio fantastico!
come sempre uno squalo nelle segnalazioni che ci dai. questo lo userò per fare un regalo alla mia ragazza...

Elena ha detto...
6 settembre 2008 18:59

Non so se ho capito perfettamente come funziona!
Allora gli dai la foto , scegli le dimensioni della gigantogarafia che vuoi, secegli se è a colori o no e ti dà questo file in pdf. Poi te lo stampi e lo attacchi in giro. Ho capito?

Luca Ferretti ha detto...
6 settembre 2008 20:42

ho la stampante rotta, mondo di merdaaaaaaaaa!!!!!!

LorenzoMazzoni ha detto...
7 settembre 2008 10:43

L'argomento è interessante.
Benché la questione degli spazi pubblici sia un pò più complessa.

kontrasto ha detto...
7 settembre 2008 13:51

Lorenzo, ci voglio stare. Però spiegati meglio..

kontrasto ha detto...
7 settembre 2008 17:31

Elena, è come dici. Però potresti dirlo meglio.. ;)

Elena ha detto...
8 settembre 2008 19:05

Devo avere sbagliato qualcosa...

Posta un commento